Bombe e barzellette in un enorme giorno di testimonianza

Nell'esplosiva apparizione all'udienza di impeachment di Gordon Sondland, il dramma e la farsa non sono mai stati molto distanti.

Gordon D. Sondland, l

Le esplosioni alle udienze per l'impeachment alla Camera di mercoledì non sono state opera di un attentatore pazzo. L'uomo che distribuiva le bombe sembrava stranamente divertirsi.

La testimonianza dell'ambasciatore presso l'Unione Europea, Gordon D. Sondland, è stata profondamente seria nella sostanza: che lui e i suoi colleghi hanno seguito gli ordini del presidente facendo pressioni sull'Ucraina per indagare sui rivali politici di Donald Trump; che ci si aspettava un quid pro quo; e che tutti erano al corrente del piano, inclusi diversi funzionari di alto livello.

Ma nell'era Trump, il dramma e la farsa sono spesso inseparabili. Mr. Sondland, un imprenditore alberghiero che è entrato nella sua posizione dopo aver donato un milione di dollari all'inaugurazione del presidente, avrebbe potuto essere un personaggio secondario in Succession: un ricco megadonatore ansioso di evitare di essere contaminato, ma che in qualche modo sembra apprezzare i riflettori.

Nelle udienze del Watergate, John Dean (ora commentatore della CNN) ha recitato la parte dell'insider dal cuore pesante che testimoniava contro la sua amministrazione per cupo dovere. Il signor Sondland si è presentato con il sorrisetto di un uomo in grado di immaginarsi il brindisi di qualsiasi stanza, anche se quella stanza stava indagando su uno scandalo internazionale in cui ha avuto un ruolo importante.

La migliore TV del 2021

La televisione quest'anno ha offerto ingegno, umorismo, sfida e speranza. Ecco alcuni dei punti salienti selezionati dai critici televisivi di The Times:

    • 'Dentro': Scritto e girato in una stanza singola, lo speciale comico di Bo Burnham, in streaming su Netflix, accende i riflettori sulla vita su Internet a metà della pandemia.
    • 'Dickinson': Il Serie Apple TV+ è la storia delle origini di una supereroina letteraria questo è molto serio riguardo al suo argomento ma non è serio su se stesso.
    • 'Successione': Nel dramma spietato della HBO su una famiglia di miliardari dei media, essere ricchi non è più come una volta.
    • 'La ferrovia sotterranea': L'adattamento paralizzante di Barry Jenkins del romanzo di Colson Whitehead è favoloso ma grintosamente reale .

Detto che Tim Morrison, un assistente della sicurezza nazionale, si era riferito alle sue azioni come al problema di Gordon, ha scherzato, è così che mi chiama mia moglie. Forse stanno parlando. Dovrei essere preoccupato? Sorrise attraverso giri di domande esasperate, attraverso i ricordi di una telefonata allegramente profana con il presidente, attraverso il ricordo dell'acquisto di un V.V.I.P. biglietto per l'inaugurazione

Il signor Sondland era il V.V.I.P. di mercoledì. Ma la posta in gioco era seria, per il Paese e per lui personalmente. Era già emerso come una figura fuori campo nelle udienze, descritto in telefonate e catene di messaggi, orchestrando gli sforzi per strappare favori politici agli ucraini.

Si è presentato di persona come l'imputato nel dramma legale che si rifiuta di essere il capro espiatorio. Oltre alle esplosioni di bombe, se hai ascoltato attentamente, hai anche sentito una serie di clic: il signor Sondland si ammanetta, uno per uno, a un elenco di funzionari che tentano di rimanere fuori dallo scandalo.

Mercoledì, più di ogni dichiarazione, i volti sullo schermo sembravano raccontare la storia. Adam Schiff, a cui il signor Sondland ha fornito materiale copioso su cui lavorare, ha mantenuto uno sguardo fisso davanti ai fari. Dopo il primo round di interrogatorio democratico, il membro di minoranza in classifica, Devin Nunes, sembrava digerire una vongola marcia. E il signor Sondland sembrava prendere l'aspetto ad alta pressione con uno sguardo di divertimento, persino di malizia:

Tutto sembrava disorientante, in parte perché il signor Sondland non era chiaramente un testimone amichevole o ostile alle parti opposte come i suoi predecessori. Martedì, ad esempio, il tenente colonnello Alexander S. Vindman è stato salutato dai democratici, mentre i repubblicani hanno insinuato che fosse sleale.

Il signor Sondland, d'altro canto, è entrato in seduta con una dichiarazione devastante per la Casa Bianca, ma le sue risposte sono diventate più cagiate con il passare della giornata.

I rappresentanti democratici lo hanno elogiato come figlio di immigrati di successo, poi lo hanno spinto a fare maggiore chiarezza. I repubblicani lo lodarono per il suo servizio, poi lo insultarono per aver fatto affidamento sulle sue presunzioni sulle motivazioni del presidente. Sotto interrogatorio feroce da Jim Jordan, un repubblicano, e Sean Patrick Maloney, un democratico, il suo sorriso si è trasformato in una smorfia.

Forse essendo il V.V.I.P. era tutt'altro che divertente.

Anche il presidente Trump, che non ha esitato assalire gli altri per aver testimoniato contro di lui, andò avanti e indietro dal signor Sondland. Mercoledì presto, lo ha liquidato come un uomo che non conosco bene. (Facile venire, facile andare, disse l'ambasciatore quando seppe dell'osservazione.)

Poi, dopo che l'ambasciatore ha raccontato una telefonata in cui un irritabile Mr. Trump aveva detto che non voglio niente dall'Ucraina, il presidente ha incontrato i giornalisti per dare una lettura drammatica e auto-esonerante della sua testimonianza di seconda mano, scarabocchiata in pennarello:

La prestazione del presidente ha omesso molto contesto: che aveva fatto quei commenti il giorno in cui la denuncia dell'informatore è giunta all'attenzione del comitato di intelligence; che il signor Sondland stesso aveva detto che il quid pro quo era ampiamente compreso tra i suoi colleghi; e che, in un'udienza all'inizio di quest'anno - a sorta di prequel ad oggi — L'avvocato di lunga data del signor Trump, Michael Cohen, ha testimoniato di avere l'abitudine di impartire ordini in un codice.

Ma il signor Trump conosce il valore di una drammatica dichiarazione televisiva. In effetti, quel valore era centrale nella testimonianza di mercoledì. Il signor Sondland ha testimoniato quanto fosse importante per il signor Trump che il presidente dell'Ucraina annunciasse pubblicamente un'indagine che coinvolgesse Joseph R. Biden Jr. e suo figlio Hunter: doveva annunciare le indagini. In realtà non doveva farli.

Come ora sappiamo, le accuse dell'informatore sono uscite, l'aiuto all'Ucraina è stato rilasciato e il presidente ucraino non ha mai rilasciato questa dichiarazione alla CNN. Invece, lo spettacolo si sta svolgendo su ogni canale di notizie.

E alla fine della giornata, aveva persino cancellato il sorriso dal viso del signor Sondland.

Copyright © Tutti I Diritti Riservati | cm-ob.pt