Dov'è ora l'ex CEO di Wirecard, Markus Braun?

Che Film Vedere?
 

Con 'Skandal!' di Netflix Portando giù Wirecard' raccontando l'incredibilmente sconcertante scorrettezza che circonda la startup tedesca di fintech titolare, otteniamo una visione reale di ogni aspetto della questione. Dopotutto, questo documentario originale utilizza sia resoconti di prima mano che filmati d'archivio per tracciare davvero non solo la posizione globale dell'azienda, ma anche le presunte irregolarità dei suoi dirigenti. Quindi ora, se desideri semplicemente saperne di più sul suo ex Chief Executive Officer (CEO) e Chief Technology Officer (CTO) Markus Braun, in particolare, abbiamo i dettagli necessari per te.

Chi è Markus Braun?

C'è stato un tempo in cui Markus Braun è stato considerato fonte di ispirazione per il modo in cui ha trasformato Wirecard in quello che sembrava essere un gigante dell'elaborazione dei pagamenti, solo perché la verità risultasse molto diversa. Il nativo austriaco aveva effettivamente conseguito una laurea in Informatica commerciale e un dottorato di ricerca. in Scienze Sociali ed Economiche prima di trovare la sua vocazione, ma questa azienda non era il suo inizio. Aveva iniziato la sua carriera come consulente mentre perseguiva il dottorato (1996-2000) e stava quindi lavorando presso KPMG a Monaco, in Germania, quando si è imbattuto per la prima volta in questa società per un progetto.

Tuttavia, solo un anno dopo, nel 2002, Markus è entrato ufficialmente a far parte di Wiretech e ha assunto le redini come Chief Executive Officer, Chief Technology Officer, nonché membro del consiglio di amministrazione. L'autodefinito visionario l'ha poi apparentemente trasformata in un'azienda pionieristica nel mondo delle transazioni online e dei servizi finanziari, solo per l'intera storia di crescita fraudolenta. Ci sono state pratiche contabili scorrette commesse in ogni fase del percorso per anni prima venuto alla luce nel 2020 quella metà delle sue entrate e la sua dichiarata riserva di cassa di 1,9 miliardi di euro ($ 2,3 miliardi) non esistevano nemmeno.

Dov'è Markus Braun adesso?

Markus si è dimesso pubblicamente dal suo incarico una volta che è stata diffusa la notizia della realtà di Wirecard il 18 giugno, e poi si è arreso alla polizia il 22 giugno dopo aver sentito che c'era un mandato contro di lui. È stato arrestato 'con l'accusa di frode contabile e manipolazione del mercato', ma è stato rilasciato con una cauzione di 5 milioni di euro (5,7 milioni di dollari) solo il giorno dopo; è stato nuovamente arrestato il 22 luglio. Da segnalare che, nonostante la società abbia dichiarato fallimento il 25 giugno 2020, l'ex dirigente secondo quanto riferito possiede ancora più del 7% delle sue azioni e ha guadagnato 5,5 milioni di euro (6,3 milioni di dollari) in dividendi.

Venendo alle accuse contro Markus, i pubblici ministeri di Monaco lo hanno formalmente accusato di frode, violazione della fiducia e manipolazione contabile il 14 marzo 2022. Credono che consapevolmente firmato sui bilanci errati dal 2012 al 2018 e aveva falsamente significato che un audit esterno da parte di KPMG esonererebbe Wirecard da tutte le accuse pubbliche. Quest'ultimo è dovuto al fatto che la società in realtà non ha presentato i documenti richiesti relativi alle sue attività di terze parti al team di audit, secondo l'annuncio ufficiale.

Come se non bastasse, secondo i pubblici ministeri, quando Markus inizialmente si arrese, lui presumibilmente confessato a una truffa che coinvolge la manipolazione dei numeri per sembrare più attraenti sia per gli investitori che per i clienti. L'ex amministratore delegato rischia quindi fino a 15 anni dietro le sbarre se condannato al termine del processo: attualmente attende lo stesso nella prigione di Augusta-Gablingen dopo essersi dichiarato non colpevole. Dovremmo ricordare che Markus continua a sostenere la sua innocenza affermando è lui stesso vittima di una frode, colpito nientemeno che dal suo allievo e compagno L'austriaco Jan Marsalek.

Copyright © Tutti I Diritti Riservati | cm-ob.pt