'C'è sempre il sole a Philadelphia' converte uno scettico

La crudezza può essere gratuita o può essere arte: c

Per anni sono stato scoraggiato dall'inesorabile crudezza della commedia televisiva C'è sempre il sole a Philadelphia . Nel 2011 ho scritto un confronto minuto per minuto della premiere della stagione 7 con la premiere della stagione 3 di un altro spettacolo grossolano, Blue Mountain State, valutando quale fosse più volgare. Era un articolo ironico, ma il sottofondo tsk-tsking era innegabile.

Eppure ora lo spettacolo, che è iniziato su FX ed è attualmente visto sul canale gemello FXX, è uno dei miei preferiti. È uno a cui mi rivolgo quando ho avuto troppi drammi televisivi pesanti e voglio solo ridere. Considero la premiere della stagione 10 a gennaio – che si è svolta quasi interamente su un aereo, ha coinvolto livelli assurdi di consumo di birra e ha caratterizzato un cameo del mio giocatore di baseball preferito, Wade Boggs – un capolavoro.

L'arte del lento

I critici culturali del New York Times suggeriscono opere che premiano la contemplazione lunga e piacevole.



Quello che è successo? Lo spettacolo, che parla di cinque disadattati sboccati che gestiscono un bar a Philadelphia, è più volgare che mai, ma invece di farmi lamentare dello stato della televisione e della cultura in generale, ora attira la mia ammirazione.

Immagino ci siano due possibili spiegazioni.

Una è che, con il mio occhio critico acutamente perspicace, riconosco ora che la crudezza può essere gratuita o può essere arte. C'è molta più volgarità in TV ora rispetto a quando è iniziato It's Always Sunny nel 2005, e molte delle cose più recenti hanno una qualità disperata; gli scrittori si limitano a lanciare battute sul cavallo e stereotipi umilianti a caso, cercando di scioccare e quindi di far notare il loro spettacolo. È sempre soleggiato, però, non è mai impacciato. È incredibile nella sua capacità, dopo 10 stagioni, di trovare nuovi modi in cui i suoi personaggi principali si comportano male. E i suoi attori - Rob McElhenney, Glenn Howerton, Charlie Day, Kaitlin Olson e Danny DeVito - sono sincronizzati come un cast d'ensemble può ottenere.

Oh, c'è un'altra spiegazione per il motivo per cui ora potrebbe piacermi uno spettacolo che una volta trovavo sgradevole. Forse ho semplicemente rinunciato a cercare di abbracciare un elevato standard morale e mi sono unito al resto del mondo occidentale nel suo tuffo a capofitto nel fuoco dell'inferno. Sì, probabilmente è così.

Alcuni post possono contenere link di affiliazione. cm-ob.pt partecipa all'Amazon Services LLC Associates Program, un programma pubblicitario di affiliazione progettato per fornire ai siti un mezzo per guadagnare commissioni pubblicitarie pubblicizzando e collegandosi ad Amazon(.com, .co.uk, .ca ecc.).

Copyright © Tutti I Diritti Riservati | cm-ob.pt