Recensione: In 'American Gothic', un'altra famiglia ricca di segreti

Virginia Madsen e Jamey Sheridan in American Gothic, a partire da mercoledì su CBS.

Quando la frase famiglia prominente compare nella sinossi di una serie televisiva in questi giorni, puoi scommettere che i segreti oscuri non sono molto indietro. L'ultima voce in questo P.F.D.S. genere — sì, intendo proteggere quell'abbreviazione — arriva mercoledì sera su CBS con un titolo particolarmente portentoso: Gotico americano.

È ben interpretato e ha un inizio intrigante, anche se ciò non garantisce un pubblico fedele. Basta chiedere agli ex dipendenti di The Family, una discreta serie della ABC che aveva molto in comune con questa e è stato cancellato a maggio dopo una sola stagione.

American Gothic coinvolge una ricca famiglia di Boston, gli Hawthornes, guidata da Mitchell (Jamey Sheridan) e Madeline (Virginia Madsen), che entro i primi 15 minuti si ritrova invischiata in un caso di serial killer andato a rotoli 14 anni prima.



A questo punto puoi quasi recitare gli elementi della trama in questi spettacoli. Qualcuno in famiglia (proprio come in The Family) è in corsa per una carica pubblica e ha molto da perdere da uno scandalo; in questo caso è una figlia, Alison (Juliet Rylance). Antony Starr interpreta il prodigo obbligato, Garrett, che si materializza dopo un'assenza di - c'è di nuovo quel lasso di tempo - 14 anni.

I bambini di Hawthorne includono anche Tessa (Megan Ketch), che è sposata con un detective della polizia, Brady (Elliot Knight), che sta indagando sulle prove appena scoperte in quel vecchio caso di omicidio seriale. In giro ci sono anche alcuni nipoti, in particolare Jack (Gabriel Bateman), un ragazzo macabro che ha guardato troppi programmi TV di esaminatori medici. È un personaggio poco appetitoso e sembra un disperato tentativo degli scrittori di essere all'altezza del titolo dello show.

Dopo un convincente episodio di apertura, American Gothic diventa più saponoso e più florido nell'Episodio 2, un effetto, forse, della lunga ombra di Revenge. Quella serie ABC, un P.F.D.S. storia di successo, ha strappato quattro stagioni alle macchinazioni degli Hamptons prima di concludersi l'anno scorso. Potrebbe aver prosciugato il genere nel processo – finora, la sua eredità è una serie di imitazioni con una trama impaziente.

I creatori di nuovi arrivati ​​come The Family e American Gothic, forse consapevoli che il pubblico è stato lì, fatto questo, sembrano aver paura di procedere lentamente come ha fatto Revenge. L'obiettivo, a quanto pare, è surriscaldarsi e entrare nel labirinto il più rapidamente possibile.

Il problema è che quell'approccio non ha funzionato per The Family, e dopo due episodi sta spingendo American Gothic verso la stupidità. Ci sono battute nell'episodio 2 che potrebbero provocare risatine involontarie. Non posso citarli qui perché sono anche spoiler, ma probabilmente li conoscerai quando li ascolterai.

Alcuni post possono contenere link di affiliazione. cm-ob.pt partecipa all'Amazon Services LLC Associates Program, un programma pubblicitario di affiliazione progettato per fornire ai siti un mezzo per guadagnare commissioni pubblicitarie pubblicizzando e collegandosi ad Amazon(.com, .co.uk, .ca ecc.).

Copyright © Tutti I Diritti Riservati | cm-ob.pt