'Better Call Saul' è una grande TV. Bene, parte di esso lo è.

Che Film Vedere?
 
La relazione tra Kim (Rhea Seehorn) e Jimmy (Bob Odenkirk) è delicatamente bilanciata in Better Call Saul.

Questo saggio discute i punti della trama del finale della quarta stagione di Better Call Saul.

Va tutto bene, amico.

È stato lo spoiler meno spoiler di tutta la televisione. Alla fine di Winner, il finale della quarta stagione di Better Call Saul, Jimmy McGill (Bob Odenkirk) ha finalmente raggiunto la destinazione promessa dal titolo del prequel, preparandosi a firmare i documenti che gli consentiranno di esercitare la professione legale sotto la nome sleaze lo sappiamo da Breaking Bad, Saul Goodman.

Dopo quattro stagioni pazienti e scrupolose, è giusto chiedere a Better Call Saul: va tutto bene, in effetti?

Bene, bene è un eufemismo. Ma tutto sarebbe un'esagerazione. Strano, moralmente indagatore e tecnicamente compiuto, Better Call Saul è una delle cose migliori in TV oggi. Ma solo per circa la metà del tempo.

Questa circostanza è dovuta alla peculiare struttura bipartita del dramma. La trama principale segue Jimmy, un imbroglione di lunga data che ha cercato di vivere la vita da avvocato, proprio come suo fratello di successo e ipocrita, Chuck (Michael McKean), che è morto alla fine della terza stagione ma era onnipresente (e in un finale, flashback karaoke, fisicamente presente) in questa stagione.

Insieme a Jimmy c'è Kim Wexler (una Rhea Seehorn magneticamente stoica), la sua collega e fidanzata, e probabilmente il fulcro e il cuore della serie. Il rapporto di Kim con Jimmy è delicatamente equilibrato. Condivide la sua furia per come è stato disprezzato dai loro colleghi legali; il suo colpo di grazia a Howard Hamlin (Patrick Fabian) è stato un momento clou della stagione. Ha anche un tocco da truffatore, fino a un certo punto.

Ma crede anche in Jimmy, più di lui. E lei stessa è la migliore risposta alle sue razionalizzazioni autocommiseranti. Anche lei è stata cancellata, patrocinata, imbrogliata, eppure ha abbassato la testa e ha lavorato. Lo ha sostenuto mentre vendeva cellulari bruciatori ai criminali (questa stagione si è appoggiata alla parte Call del titolo). La scorsa stagione, ha distrutto la sua auto in uno stato di stanchezza oberato di lavoro; ha trascorso gran parte della stagione con il braccio ingessato, una specie di totem di gesso per i fardelli che gestisce tranquillamente.

La migliore TV del 2021

La televisione quest'anno ha offerto ingegno, umorismo, sfida e speranza. Ecco alcuni dei punti salienti selezionati dai critici televisivi di The Times:

    • 'Dentro': Scritto e girato in una stanza singola, lo speciale comico di Bo Burnham, in streaming su Netflix, accende i riflettori sulla vita di Internet a metà pandemia .
    • 'Dickinson': Il La serie Apple TV+ è la storia delle origini di una supereroina letteraria che è molto seria riguardo al suo argomento ma poco seria su se stessa.
    • 'Successione': Nel dramma spietato della HBO su una famiglia di miliardari dei media, essere ricco non è più come una volta .
    • 'La ferrovia sotterranea': L'adattamento paralizzante di Barry Jenkins del romanzo di Colson Whitehead è favoloso ma grintosamente reale.

Ma Jimmy? Preferirebbe distruggere il suo cast. Dopo aver bombardato un'udienza di reintegrazione per insincerità - la sua indignazione è così persuasiva che quasi dimentichi che il comitato aveva ragione - pronuncia un discorso umile e commovente al suo appello che in seguito rivela a Kim, esultante, era un carico di malarkey, e celebra con abbandonando il nome McGill che aveva nebulosamente promesso di rendere orgoglioso.

L'aspetto di stupore e orrore sul volto di Kim che si sta lentamente affacciando è devastante come qualsiasi altro cartello di Breaking Bad.

Allora chi ha creato Saul Goodman? A sentirlo raccontare da Jimmy, era un lavoro esterno. Lo chiarisce, a metà del finale, quando il suo vecchio studio rifiuta una giovane candidata a una borsa di studio a causa del suo record di taccheggio.

videotrascrizioneIndietrobarre 0:00/3:29 -0:00

trascrizione

'Meglio chiamare Saul': come scrivere la truffa perfetta

Per quattro stagioni, gli scrittori di Saul hanno lentamente trasformato Jimmy McGill nel viscido Saul Goodman. Qui, analizzano una scena cruciale di un episodio alla fine della stagione 4.

La grande domanda di questo spettacolo è come un ragazzo perbene diventa morto dentro, almeno moralmente? [musica] Quando ho iniziato a 'Breaking Bad', ero sempre preoccupato di dare ai personaggi un problema dal quale non vedevo una via d'uscita. Così quello che ora? La mia filosofia è cambiata negli anni. E nella stanza degli scrittori, se non riusciamo a capire come questo personaggio affronterà questo problema, forse nemmeno il pubblico potrà farlo. Nell'episodio sette, l'assistente di Jimmy viene arrestato. È un poliziotto. Ci siamo scritti in un angolo. Allora siamo tipo, va bene, fantastico. Ora, dobbiamo tirarlo fuori da esso. Cosa facciamo? Quello che viene dopo? Il poliziotto è stato aggredito. Come fai a farla franca in qualsiasi modo, forma o forma? Sai, abbiamo avuto tante idee diverse, ma penso che la cosa che mi ha entusiasmato sia stata proprio l'idea di un oceano di lettere. Una scena del tipo 'Miracolo sulla 34a strada'. Stai perseguendo Babbo Natale? Tuo onore? Perché sembra 'Miracolo sulla 34a strada' qui dentro. Abbiamo avuto l'idea di questa campagna di scrittura di lettere e l'idea che Jimmy dovesse viaggiare fino in Louisiana per ottenere il timbro postale giusto su queste lettere. Come scrive queste lettere? Cambia mano, cambia matite, usa impugnature diverse e così via. Quelle scritture cominceranno ancora a convergere. Quindi ha bisogno di qualcuno che lo aiuti in questo. Ah, Jeanetta. Molto bello. Mi piacciono i cuori rispetto alle io. È davvero un bel tocco. Ti piacerebbe fare delle cartoline? È $ 0,50 per. Sì. Penne diverse, per favore. OK. È un uomo gentile e un buon amico per tutti. Gesù, lo fanno sembrare Babbo Natale. Questo ha un numero di telefono. Fammi vedere questo. Nella migliore truffa, il marchio si sente intelligente. Ed è qui che è nata l'idea di fare il gag telefonico. Vogliamo che l'ADA sia in grado di fare una chiamata a chiunque e scoprire che questo è vero. [musica d'organo] [squillo] Ciao, ecco. Battista del libero arbitrio — Parla il pastore Hansford. Chi questo? Le sue linee di ciò che farebbe e non farebbe, e chi è un obiettivo appropriato e chi no, stanno svanendo molto rapidamente. Ma ecco un momento in cui Jimmy prende vita. Ed è perché sta rischiando molto e sta per avere un ruolo. Sta usando questo accento della Louisiana. Sto per entrare nel vestibolo. Che, ad essere onesti con te, è qualcosa che gli ho visto fare in 'Mr. Show.' Ora, tutto questo mi ricorda una storia divertente del commesso viaggiatore. Oh, ci siamo. Hai già fissato una data per il processo di Huell? No, non ancora. Bene, potresti farmi una gentilezza e chiamarmi quando lo fai perché abbiamo un paio di autobus charter. Porteremo l'intera congregazione da voi tutti ad Albuquerque. Come scrittori, sei sempre affascinato da qualcuno che sta creando la propria realtà. Speriamo che il pubblico sospenda la loro incredulità. E il truffatore spera di sospendere l'incredulità del suo marchio. Siamo truffatori. Stiamo cercando di convincere il pubblico a credere che si tratti di finzioni plausibili. Vi benedica e non vedo l'ora di incontrarvi.

Caricamento del lettore video

Per quattro stagioni, gli scrittori di Saul hanno lentamente trasformato Jimmy McGill nel viscido Saul Goodman. Qui, analizzano una scena cruciale di un episodio alla fine della stagione 4.

Per quanto li riguarda, il tuo errore è: è chi sei, è tutto ciò che sei, le dice, anche se parla tanto a se stesso. La sua unica speranza è quella di diventare l'imbroglione che la gente vede come: sarai intelligente, taglierai gli angoli e vincerai.

È un discorso potente. Ma Better Call Saul non lo compra del tutto. Jimmy ha avuto possibilità di successo, forse non così selvaggiamente come vorrebbe, ma onestamente, eppure non può resistere alla scorciatoia. Forse è stato giudicato ingiustamente per una debolezza di carattere, ma è una vera debolezza.

(Una prova contro di lui è che fa il discorso. Quale uomo adulto pensa che sia un servizio per un'adolescente dirle che non sarà mai abbastanza buona per le altre persone? Sappiamo dove lo porterà questo consiglio; ci resta solo da chiederci dove potrebbe portarla.)

La persona perbene che diventa cattiva, l'abbiamo già vista: quella premessa era il titolo stesso di Breaking Bad. Abbiamo visto persone cattive redimersi. Ma il viaggio di Saul è familiare dalla vita, ma raro in TV: il ragazzo che vuole essere migliore, che si impegna e si avvicina, ma alla fine non è abbastanza bravo, non abbastanza forte, per arrivarci.

Ciò che trattiene Better Call Saul è il resto, una serie di storie di origine per la trama del mondo della droga di Breaking Bad. Esiste per riprodurre i brividi del sud-ovest noir della serie originale, coronati dal ritorno del terrificante Gus Fring (Giancarlo Esposito). Sembra la massima espressione della convinzione, in un'era di infiniti revival ed espansioni cinematografiche dell'universo, che la curiosità di nessun fan su qualsiasi angolo di un mondo immaginario dovrebbe mai rimanere insoddisfatta.

Dopo anni di pratica, i creatori Vince Gilligan e Peter Gould sono virtuosistici in queste storie: la suspense, i capricci del balletto, gli ammalianti montaggi senza parole. Ma senza il gancio dello sviluppo del personaggio, sembra vuoto, come un laboratorio sotterraneo high-tech che produce uova di Pasqua. Tutto è magistrale; niente di tutto ciò è necessario.

È come se due aspetti di Breaking Bad — il viaggio morale e il thriller criminale — divorziassero in modo amichevole e condividessero la custodia congiunta di Saul. Una parte ci sta dicendo come l'umanità sia imperfetta e la redenzione a volte irraggiungibile. Un'altra parte ci racconta come Hector Salamanca (Mark Margolis) ha ottenuto quel campanello sulla sua sedia a rotelle.

La cosa migliore in questo mondo parallelo di Saul è Mike Ehrmantraut (Jonathan Banks), che i fan di Breaking Bad sanno è sulla lunga e lenta strada per diventare il braccio armato di Gus e il fantastico antagonista di Walter White. (C'è anche una sottotrama molto lenta che coinvolge lo scagnozzo del cartello Nacho, interpretato da Michael Mando.) Mike ha il suo momento di rottura nel finale, l'esecuzione di un uomo disarmato per ordine di Gus.

Ma ci siamo arrivati ​​attraverso un arco di una stagione su una squadra di costruzioni tedesca che costruisce il mega laboratorio sotterraneo di metanfetamine di Fring. È come una variazione elaborata sul dialogo da Clerks che ci ha chiesto di pensare a Return of the Jedi dal punto di vista degli appaltatori che hanno costruito la seconda Morte Nera.

A un certo livello ammiro Better Call Saul per la sua eccentricità e pazienza. Anche Breaking Bad è stato deliberato, ma alla fine dei quattro anni ha stabilito Walter come il signore della droga Heisenberg e ha creato slancio per un'ultima stagione. Better Call Saul sta raccontando una storia più piccola, ma - nel bene e nel male - sembra che sia appena iniziata.

Copyright © Tutti I Diritti Riservati | cm-ob.pt