'Dickinson' è una storia di origine letteraria insolita, scritta nel fuoco

Nella seconda stagione inquietante e allegramente assurda, il giovane poeta si chiede se sia meglio essere Nessuno.

La nuova stagione di Dickinson, con Hailee Steinfeld, mantiene l

Nel 2019 il nuovo servizio di streaming Apple TV+ è stato rilasciato a trailer per Dickinson, che ha inquadrato la storia dell'enigmatico poeta americano del XIX secolo come un melodramma contemporaneo per giovani adulti, completo di colonna sonora di power ballad e cospicuo impiego del titolo onorifico Dude. La serie sembrava ridicola. Naturalmente, ho dovuto guardarlo.

Nella prima stagione, Emily Dickinson (Hailee Steinfeld) fa l'autostop con Death (interpretato dal rapper Wiz Khalifa), maledice un pomposo Henry David Thoreau (John Mulaney) e balla con l'allucinazione di un'ape gigante (Jason Mantzoukas) mentre è fatto di oppio. Sì, ho capito, questo è ridicolo. Ridicolosamente brillante .



La prima grande serie di Apple TV+, creata da Alena Smith, ha la sfida di molti insegnanti di inglese del liceo: cercare di convincere una nuova generazione che un nome dai programmi di studio di American Lit era una persona carnale, con passioni urgenti come le nostre, vivendo in un periodo indisciplinato di fermento culturale e sconvolgimento politico.

Questo tipo di sforzo rischia inevitabilmente di farti sembrare l'istruttore che tira su una sedia all'indietro e dice ai bambini, facciamo rap. Ma Smith e compagnia hanno prodotto un'opera che, come la poesia stessa, rischia di produrre qualcosa di abbagliante: la storia delle origini di una supereroina letteraria che è inebriante, divertente e piena di sentimento, assolutamente seria riguardo al suo argomento ma poco seria su se stessa.

Dickinson presenta la poetessa in erba sulla ventina - una millenaria di un altro millennio - ubriaca di parole e irritata contro una famiglia borghese di Amherst che non sa cosa fare con lei. È innamorata della Morte (è un tale gentiluomo. Sexy da morire) e della fidanzata di suo fratello, Sue (Ella Hunt), alla quale il poeta ha scritto devotamente nella vita reale.

La serie ti catapulta in una versione del 1850 così deliberatamente anacronistica nel tono che potresti aspettarti che qualcuno tiri fuori un iPhone dalle pieghe del suo abito. colpi hip-hop nella colonna sonora; i personaggi si abbuffano di Bleak House come se fosse un serial Netflix. (Sono una tale Esther! dice la sorella di Emily, Lavinia, interpretata da Anna Baryshnikov.)

Tutto vacilla sull'orlo dell'autoparodia di Drunk History. (Il casting di Jane Krakowski nei panni della madre di Emily fa sembrare brevemente Dickinson qualcosa in cui il suo personaggio Jenna Maroney avrebbe recitato come uno scherzo spaccato in 30 Rock.)

La migliore TV del 2021

La televisione quest'anno ha offerto ingegno, umorismo, sfida e speranza. Ecco alcuni dei punti salienti selezionati dai critici televisivi di The Times:

    • 'Dentro': Scritto e girato in una stanza singola, lo speciale comico di Bo Burnham, in streaming su Netflix, accende i riflettori sulla vita su Internet a metà della pandemia.
    • 'Dickinson': Il Serie Apple TV+ è la storia delle origini di una supereroina letteraria questo è molto serio riguardo al suo argomento ma non è serio su se stesso.
    • 'Successione': Nel dramma spietato della HBO su una famiglia di miliardari dei media, essere ricchi non è più come una volta.
    • 'La ferrovia sotterranea': L'adattamento paralizzante di Barry Jenkins del romanzo di Colson Whitehead è favoloso ma grintosamente reale .

Ma funziona, grazie a una voce esuberante, alla giocosità degli episodi di mezz'ora e alla passione per i versi del protagonista, che appaiono sullo schermo come scritti nel fuoco. Steinfeld interpreta Emily come una ribelle sarcastica posseduta da forze che comprende solo in parte; è una biografia letteraria sotto forma di un dramma soprannaturale di WB.

Durante la prima stagione, la poetessa mette in campo i suoi poteri e apprende le sfide per le donne nel mondo letterario del XIX secolo attraverso una serie di incontri, tra cui una cena di Natale con l'ambiziosa Louisa May Alcott (Zosia Mamet), che chiacchiere trash Nathaniel Hawthorne , ama correre (questo è un fatto reale su di me) e fa un brainstorming sulla trama per Piccole donne, alla ricerca di un volta pagina per rastrellare quei soldi.

La stagione 2, i cui primi tre episodi arrivano venerdì, lotta più direttamente con il mistero della vita reale al centro dello spettacolo. La vera Emily Dickinson, come ci racconta un prologo al pilot, pubblicò solo poche poesie e trascorse gran parte della sua tarda vita da sola nella sua stanza. Perché un poeta brillante e motivato dovrebbe resistere alla fama?

Immagine

Credito...Apple TV+

La stagione si apre nel 1859 con l'arrivo della macchina della fama degli anni '50 dell'Ottocento - un giornale, lo Springfield Republican - che colpisce Amherst come l'arrivo di Internet, con le sue pagine piene di politica, commercio e pettegolezzi.

Il giornale trasforma anche l'idea di fama letteraria; una corsa di stampa e le tue parole sono davanti a migliaia. Il suo arrogante e squallido editore, Samuel Holmes (Finn Jones), si interessa alla pubblicazione del lavoro di Emily.

Agli spettatori della generazione degli influencer, per i quali l'attenzione è un bene presunto, il fatto che questo non sia finito con un lieto fine della celebrità letteraria suggerisce che qualcosa deve essere andato storto: Emily deve essere stata trattenuta.

E sì, deve ancora avere a che fare con un oculista che visita per affaticamento degli occhi (James Urbaniak), che ride quando gli dice che è una scrittrice: potresti voler smettere di fare così tanto! (D'altra parte, suo padre avvocato-politico, un Toby Huss piacevolmente soffocante, arriva gradualmente ad apprezzare, se non a capire, la dipendenza dalle parole di sua figlia.)

Ma la stagione suggerisce che il ritiro di Emily è stato anche un lavoro interno. Comincia ad avere visioni di un giovane spettrale, che si presenta come Nessuno, l'incarnazione di forse la sua poesia più famosa , un rifiuto della pubblicità. La fama non è genuina, dice. Ti userà. Ti distruggerà.

Sta sentendo la sua stessa voce qui o quella del mondo esterno? Tutti quei trattini nei suoi versi - rappresentano una corsa senza fiato per essere ascoltati? — o nostalgia dei silenzi che cadono tra le parole? Emily sembra crescere più insicuro come persona anche se diventa più sicura di sé come artista; il dubbio, suggerisce Dickinson, può essere inseparabile dalla sua arte.

Il dispositivo in esecuzione dell'apparizione di Nessuno rende la stagione 2, sebbene ancora raucamente divertente, un'uscita più seria e inquietante. Così fa l'avanzare della storia della vita reale, mentre la guerra civile si avvicina.

La poesia di Emily sembra sempre più simile a una seduta spiritica, come se le sue immagini intense (tutte quelle allodole spaccate e sguardi di agonia ) stavano attingendo a forze selvagge che presto saranno liberate sul paese. La stagione utilizza anche l'approccio della guerra per costruire i suoi personaggi neri abolizionisti, anche se le loro storie sembrano ancora marginali tra i privilegiati bianchi del New England.

Gli spettatori e gli studiosi possono, ovviamente, discutere sull'accuratezza di Dickinson. (Supponiamo che l'ape gigante sia immaginaria.) Ma sono più interessato alle sue idee di storia, di libertà, di creatività come un dono selvaggio e una specie di droga. Oltre a ciò, come dice lo stesso Dickinson all'inizio della seconda stagione, c'è poca documentazione di questo periodo nella vita del poeta.

Tutto ciò libera questo spettacolo di prendere una licenza poetica - per dire la sua versione della verità, ma per dillo in modo strano, deliziosamente obliquo .

Alcuni post possono contenere link di affiliazione. cm-ob.pt partecipa all'Amazon Services LLC Associates Program, un programma pubblicitario di affiliazione progettato per fornire ai siti un mezzo per guadagnare commissioni pubblicitarie pubblicizzando e collegandosi ad Amazon(.com, .co.uk, .ca ecc.).

Copyright © Tutti I Diritti Riservati | cm-ob.pt