Gli stravaganti del film si riuniscono per un restyling del piccolo schermo

La nuova serie animata

Sono davvero passati solo sette anni e mezzo da quando Napoleon Dynamite era nei cinema? Sembra più lungo, forse perché tanti antieroi geek hanno seguito Napoleone sui nostri schermi, o forse perché l'umorismo impassibile del film era così vaporoso che sembrava svanire mentre guardavi.

Durante quegli anni il team creativo del film, composto da moglie e marito, Jerusha Hess (sceneggiatore) e Jared Hess (sceneggiatore e regista), hanno prodotto il ben accolto Nacho Libre e i meno promettenti Gentlemen Broncos. Ora sono tornati alle loro radici, girando Napoleone dinamite in una serie TV animata che si unirà alla lineup della domenica sera di Fox questo fine settimana con due episodi.

In una straordinaria dimostrazione di lealtà, stagnazione della carriera o entrambi, ogni personaggio significativo dello spettacolo viene interpretato (vale a dire, doppiato) dallo stesso attore dell'originale, da Jon Heder, come Napoleone aggressivo e impacciato, fino a Diedrich Bader, nei panni dello steroideo istruttore di arti marziali Rex.



Anche il luogo è lo stesso — l'Idaho rurale — così come l'impostazione di base: il liceale Napoleon e suo fratello sulla trentina, Kip (Aaron Ruell), vivono con la nonna (Sandy Martin), il cui ruolo è stato ampliato per la TV mostrare.

Ma nonostante la riunione di creatori, cast e storia - così come gli sforzi degli animatori per replicare fisicamente i personaggi del film - Napoleon Dynamite su Fox ha poca somiglianza con l'originale. Stiamo parlando di tacos e chimichangas. (Scusate il riferimento a una delle battute più divertenti del film.)

La migliore TV del 2021

La televisione quest'anno ha offerto ingegno, umorismo, sfida e speranza. Ecco alcuni dei punti salienti selezionati dai critici televisivi di The Times:

    • 'Dentro': Scritto e girato in una stanza singola, lo speciale comico di Bo Burnham, in streaming su Netflix, accende i riflettori sulla vita di Internet a metà pandemia .
    • 'Dickinson': Il La serie Apple TV+ è la storia delle origini di una supereroina letteraria che è molto seria riguardo al suo argomento ma poco seria su se stessa.
    • 'Successione': Nel dramma spietato della HBO su una famiglia di miliardari dei media, essere ricco non è più come una volta .
    • 'La ferrovia sotterranea': L'adattamento paralizzante di Barry Jenkins del romanzo di Colson Whitehead è favoloso ma grintosamente reale.

Dire che lo show televisivo è una delusione sarebbe troppo gentile con il film, il cui fascino è stato superato dalla sua informe. Ma è giusto dire che alla serie mancano le qualità - eccentricità, nostalgia, sapore regionale - che hanno reso le persone appassionate al film. Gli è stato dato un restyling televisivo, Simpsonized qui e MacFarlaned là. (Per lo show televisivo gli Hesse sono stati affiancati come scrittori e produttori esecutivi da Mike Scully, un produttore veterano dei Simpson.)

Immagine

Credito...Volpe

L'umorismo è in uno stile completamente diverso e più ampio, con battute al posto delle note di grazia. (Non è che le battute siano più ovvie, è che ci sono battute.) Le trame degli episodi di domenica riecheggiano elementi del film ma in un modo più frenetico e fantastico; il modesto studio di arti marziali Rex Kwon Do si è trasformato in un fight club di campagna, con partite in gabbia all'interno di un silo.

Appaiono anche altri motivi del film: tetherball, una rampa per biciclette, elettrodi, una cerimonia di matrimonio. Quello che manca, oltre alla sensibilità mesto-cinica che gli Hesse avevano dimostrato, sono gli attori viventi: le prestazioni fisiche focalizzate, per lo più sottovalutate, che erano responsabili tanto quanto la scrittura e la direzione del ritmo e della trama del film. I volti qui mugghiano ed esclamano, alla maniera della maggior parte dei personaggi televisivi animati. (Anche se King of the Hill, un altro spettacolo della Fox, ha dimostrato che non deve essere così.) Lo stesso Napoleone è più energico, ancora irritante ma meno cane bastonato. La prima serata non favorisce gli imbranati.

Parte del nuovo materiale è divertente di per sé. Alla scuola di addestramento del fight club un ragazzo corre intorno a un cerchio di compagni studenti, battendoli sulle spalle mentre canta Papera, papera, papera; quando arriva all'oca, appiattisce la successiva della fila. Nel ristorante preferito di Kip, una band animatronica in stile Disneyland, con tanto di Abe Lincoln che canta, esegue canzoni incentrate sulla pizza (Tutto ciò che vuole/è un'altra pizza) e si spegne tra i set.

Nel complesso, però, gli episodi di domenica sera non sono né qui né là, privi della singolarità stravagante del film pur non raggiungendo ancora il morso satirico che renderebbe interessante lo show televisivo. Potrebbe sembrare che un film cult con personaggi da cartone animato si prestasse a un cartone animato, ma chiaramente non è così semplice.

DINAMITE DI NAPOLEONE

Fox, domenica sera alle 8:30, fuso orientale e fuso orario del Pacifico; 7:30, ora centrale.

Prodotto dalla 20th Century Fox Television. Creato da Jared Hess e Jerusha Hess. Mr. Hess, Ms. Hess e Mike Scully, produttori esecutivi.

CON: Jon Heder (Napoleon Dynamite), Aaron Ruell (Kip), Efren Ramirez (Pedro), Tina Majorino (Deb), Sandy Martin (nonna), Jon Gries (zio Rico) e Diedrich Bader (Rex).

Alcuni post possono contenere link di affiliazione. cm-ob.pt partecipa all'Amazon Services LLC Associates Program, un programma pubblicitario di affiliazione progettato per fornire ai siti un mezzo per guadagnare commissioni pubblicitarie pubblicizzando e collegandosi ad Amazon(.com, .co.uk, .ca ecc.).

Copyright © Tutti I Diritti Riservati | cm-ob.pt