'Watchmen' Stagione 1, Episodio 2 Riepilogo: American Hero Story

Che Film Vedere?
 

Tra i misteri che si accumulano nello show, questo episodio ne aggiunge un altro: chi era Judd Crawford?

Una scena dell

Verso la metà posteriore dell'episodio di questa settimana, Watchmen offre finalmente un assaggio del suo spettacolo nello spettacolo, American Hero Story: Minutemen, che funge anche da adattamento backdoor del romanzo grafico che il creatore Damon Lindelof sta scrivendo (o remixando , come ha detto lui). Ciò che spicca per primo è l'iperrealtà della sequenza, una o due tacche più simile a un fumetto rispetto alla stessa serie di Watchmen - un effetto che Lindelof, il suo co-sceneggiatore Nick Cuse e la regista Nicole Kassell implicano è ciò che accade quando la storia si trasforma in arte. Tutto è più vivido e intenso.

I lettori del fumetto originale di Alan Moore e Dave Gibbons riconosceranno la rapina al supermercato come parte della storia delle origini di Hooded Justice, il primo vigilante mascherato, che ha rivestito il fisico di un lottatore con abiti scuri e attillati, un grosso cappio, un mantello nero e un cappuccio. Sembra un carnefice, anche se il cappuccio e il cappio, nel contesto di un episodio di linciaggio, hanno altre inquietanti associazioni. La sequenza fa parte del gocciolamento di informazioni sull'eredità dei Minutemen e sulle generazioni di avventurieri in costume che sono seguiti, ma la sua collocazione in questo episodio aiuta a cogliere il tema scivoloso dell'identità che attraversa l'ora.

In un episodio in cui paradossalmente impariamo di più e capiamo di meno su Angela Abar e Judd Crawford, la risposta che Hooded Justice dà alla domanda Chi sei? finisce con un grosso e grosso punto interrogativo. Quando si guardava allo specchio, spiega, era un estraneo a se stesso, arrabbiato e a disagio nella sua stessa pelle, ma assetato di giustizia. Fornire quella giustizia sotto le mentite spoglie di un eroe graffia quel prurito e la brutalità scioccante e gratuita dei suoi metodi di lotta al crimine dà anche alla sua rabbia un posto dove andare.

La migliore TV del 2021

La televisione quest'anno ha offerto ingegno, umorismo, sfida e speranza. Ecco alcuni dei punti salienti selezionati dai critici televisivi di The Times:

    • 'Dentro': Scritto e girato in una stanza singola, lo speciale comico di Bo Burnham, in streaming su Netflix, accende i riflettori sulla vita su Internet a metà della pandemia.
    • 'Dickinson': Il Serie Apple TV+ è la storia delle origini di una supereroina letteraria questo è molto serio riguardo al suo argomento ma non è serio su se stesso.
    • 'Successione': Nel dramma spietato della HBO su una famiglia di miliardari dei media, essere ricchi non è più come una volta.
    • 'La ferrovia sotterranea': L'adattamento paralizzante di Barry Jenkins del romanzo di Colson Whitehead è favoloso ma grintosamente reale .

Ma ci sono altri due dettagli importanti da considerare: quando Hooded Justice colpisce ripetutamente la faccia del capobanda contro il bancone, con orrore anche dei cittadini che sta salvando, ricorda un momento prima nell'episodio quando Abar prende a pugni incessantemente un attaccante a Nixonville. E quando Hooded Justice risponde all'impiegato Chi sei? domanda, parte del suo monologo è giustapposta a immagini di Abar, alla guida di un'auto come Sister Night.

Che cosa significa tutto questo? Watchmen non ha intenzione di svelare il gioco su questo, ma aiuta a confutare i sospetti che Sister Night non sarebbe moralmente ambigua come i vigilantes nel libro di Moore e Gibbons. È sicuramente il nostro eroe, ma ha già violato il protocollo della polizia così spesso - nel gettare un sospettato di Nixonville nel retro della sua auto, nel tenere l'uomo misterioso di Louis Gossett Jr. lontano dalle autorità - che il distintivo è solo una licenza per dispetto di freelance.

È arrabbiata e batterà gli avversari entro un centimetro dalle loro vite. Anche lei ha sete di giustizia, proprio come il Minuteman in televisione, ma la sua storia è incompleta, tanto per se stessa quanto per noi.

Il suo istinto le dice che un uomo di 105 anni su una sedia a rotelle ha alcune delle risposte. Insiste più volte sul fatto che è stato lui a impiccare Crawford, nonostante il suo stato apparentemente diminuito, e lei non può del tutto respingere un'affermazione che è così ridicola a prima vista. Ha piantato un seme prima quando le ha chiesto se pensava di poter sollevare 200 libbre, e poi eccolo lì, seduto sotto il corpo penzolante di un uomo di 200 libbre, in attesa che lei si presentasse appositamente.

Quindi si concede lo spazio extragiudiziale per scoprire chi è. E gli permette anche di mostrarle quello che lui vuole che lei veda. E con questo, lo spettacolo diventa un centesimo.

Tra i misteri che si accumulano nello show, questo episodio ne aggiunge un altro: chi era Judd Crawford? Ora sappiamo che era un uomo con scheletri nel suo armadio, vale a dire una veste del Ku Klux Klan con un distintivo della polizia appuntato su di esso. Tuttavia, dobbiamo anche fare i conti con lo stretto rapporto di Crawford con Abar e chiederci perché sembrava essere il suo più grande alleato e mentore nella forza. Crawford era il secondo membro della Settima Cavalleria con la maschera di Rorschach in bilico sopra di lei durante la Notte Bianca, quando le hanno sparato al petto e apparentemente sulla soglia della morte? Un taglio da quella scena all'altra in cui Crawford aleggia su di lei in ospedale lo suggerisce certamente.

Tuttavia, gran parte di Watchmen riguarda il ribaltamento delle nostre ipotesi, che vale la pena riconoscere ciò che abbiamo effettivamente imparato, solo per avere un piede piantato sulla terraferma. Sappiamo che il personaggio di Gossett, qui chiamato Will, è il bambino scampato al massacro di Tulsa del 1921, e che il biglietto che portava con sé era scritto sul retro di un volantino di propaganda tedesco della prima guerra mondiale. Sappiamo che il campione di DNA elaborato al Greenwood Center for Cultural Heritage — per gentile concessione del segretario al Tesoro Henry Louis Gates Jr.! – ha rivelato che Abar è la nipote di Will. Quando Will viene trascinato via drammaticamente nella scena finale, Abar rimane con la nota del suo bisnonno, che la invita a trovare il suo posto in un continuum secolare di resistenza nera all'interno della sua famiglia. Che ci sia voluto il linciaggio di un uomo bianco per realizzarlo è il tipo di svolta controintuitiva che lo spettacolo assapora.

tic tac

  • Uno degli aspetti liberatori dell'allontanamento di Lindelof e compagnia dal testo è che possono colorare fuori dalle righe quanto vogliono. Nessuno avrebbe potuto immaginare che lo spettacolo ci avrebbe riportato in un pool di segretari militari tedeschi durante la prima guerra mondiale, ma ha la libertà di farlo.

  • Il titolo dell'episodio, Martial Feats of Comanche Horsemanship, è un riferimento a Comanche Feats of Horsemanship, il dipinto di George Catlin appeso nella villa di Crawford. Catlin era noto per le sue autentiche rappresentazioni dei nativi americani come questa, dal 1834, quando seguì i Dragoni degli Stati Uniti nel territorio dei nativi. La cosa notevole del dipinto è la tecnica Comanche di cavalcare in posizione orizzontale sul lato del cavallo, proteggendo il tuo corpo dall'esposizione. Un buon punto, nella logica dello spettacolo, per un attacco a sorpresa.

  • La colonna sonora dello spettacolo, di Trent Reznor e Atticus Ross, è stata un superbo mood-setter, ma ci sono momenti in cui il suo debito con l'atmosfera semplice e synth di John Carpenter rasenta lo spudorato. Ascolta la musica quando Abar si ferma per scoprire il corpo di Crawford e giurerai di averlo già sentito da qualche parte.

  • Abar dovrebbe considerare di investire qualche dollaro in più sul suo fronte. Una panetteria senza zucchero è terribilmente appariscente.

  • Affari solidi in edicola? Non c'è da stupirsi che i giornalisti amino Watchmen!

  • Topher, non andiamo lecca-lecca e arcobaleni, perché sappiamo che sono bei colori che nascondono ciò che è veramente il mondo: bianco e nero. È così che Rorschach vede il mondo, ricorda, da qui il bianco e nero sulla sua maschera. Per Abar esprimere questo sentimento è uno dei tanti esempi di come lo spettacolo sfida e rimescola i miti del libro.

  • L'identità di Jeremy Irons non è stata rivelata, ma chi ha letto il libro può probabilmente indovinare chi sia in base alla sua ricchezza e alla sua sperimentazione genetica. La sua macabra messa in scena della storia delle origini del Dr. Manhattan è immensamente inquietante, ma nel personaggio.

  • I fan dei Beastie Boys saranno sicuramente felici di ascoltare Eggman, dal classico album della band Paul's Boutique, suonare durante i titoli di coda. Come è appropriato per uno spettacolo di remix utilizzare una canzone che campiona un'opera famosa, Superfly di Curtis Mayfield, per raggiungere i propri scopi.

Copyright © Tutti I Diritti Riservati | cm-ob.pt