Riepilogo della premiere della serie 'Star Trek: Picard': Ritorno dalla pensione

Patrick Stewart torna in un'energica serie indipendente sull'eroe della Next Generation Jean-Luc Picard. Alla faccia della tranquilla vita dell'ammiraglio al castello.

Patrick Stewart in una scena di Star Trek: Picard.

Come un bel bicchiere di liquido rinfrescante - tè, Earl Grey, anche caldo — Jean-Luc Picard è tornato nei nostri salotti. E il team creativo dietro Star Trek: Picard vorrebbe che tu sapessi che lo è decisamente non come se non se ne fosse mai andato.

La decisione di riportare in vita Picard in una serie a sé stante piuttosto che in un revival Next Generation è brillante, se il primo episodio è di qualche indicazione. (Divulgazione completa: ho visto i prossimi due episodi della serie, quindi non sono completamente all'oscuro degli sviluppi futuri della trama.)



Ci sono solo abbastanza cenni alla tradizione di Next Generation per segnalare ai fan irriducibili che questo è uno spettacolo che capisce perché il ritorno di Picard è così importante per loro. Ma non si appoggia così tanto alla nostalgia per sopraffare una grande storia. Ed esso è una grande storia.

Più su quello in un momento.

Ciò che più fa funzionare Picard è Patrick Stewart, ovviamente. Nei minuti di apertura dello spettacolo, durante il quale Picard sogna di giocare a carte con il tenente Cmdr. Data (Brent Spiner), è chiaro che nessuno dei due ha dimenticato come recitare le proprie parti anche dopo tanti anni. Stewart tiene a bada i manierismi paterni di Picard, mentre Spiner resuscita la sincera indifferenza di Data senza perdere un colpo. (E un bel tocco da aprire con Blue Skies di Irving Berlin, la canzone che Data ha cantato nel mediometraggio Next Generation del 2002, Star Trek: Nemesis, insieme a un'inquadratura dell'Enterprise.)

Ma il team di scrittori – che include Michael Chabon, Alex Kurtzman e Kirsten Beyer – ha anche scritto il personaggio in un modo che ricorda ai fan il motivo per cui si sono innamorati del personaggio. Parte del problema con Picard è che la versione televisiva è stata storicamente significativamente diversa da quella che abbiamo visto nei film. Nella serie originale, trasmessa dal 1987 al 1994, Picard era un diplomatico misurato con un talento per mantenere la calma.

La migliore TV del 2021

La televisione quest'anno ha offerto ingegno, umorismo, sfida e speranza. Ecco alcuni dei punti salienti selezionati dai critici televisivi di The Times:

    • 'Dentro': Scritto e girato in una stanza singola, lo speciale comico di Bo Burnham, in streaming su Netflix, accende i riflettori sulla vita di Internet a metà pandemia .
    • 'Dickinson': Il La serie Apple TV+ è la storia delle origini di una supereroina letteraria che è molto seria riguardo al suo argomento ma poco seria su se stessa.
    • 'Successione': Nel dramma spietato della HBO su una famiglia di miliardari dei media, essere ricco non è più come una volta .
    • 'La ferrovia sotterranea': L'adattamento paralizzante di Barry Jenkins del romanzo di Colson Whitehead è favoloso ma grintosamente reale.

Nei film, Picard è diventato qualcosa di completamente diverso: un eroe d'azione , e uno impulsivo a quello. (La frase più famosa di Picard, da Star Trek: Primo contatto, La linea deve essere tracciata qui e non oltre, è ben interpretato da Stewart a causa del suo talento, ma era piuttosto fuori dal personaggio.) Questo Picard, una versione di 20 anni più vecchia di quella che vediamo in Nemesis, è più vicino a quello che abbiamo visto sui nostri schermi televisivi: spiritoso, caldo , curioso e feroce sulle sue convinzioni nel bene e nel male. (Ha senso vedere Picard che si prende cura di un cane di nome n. 1. Ma la vista di Picard sparando ai membri della sua stessa troupe assimilati in Primo Contatto, non tanto.)

Nella prima apprendiamo che Picard è in pensione e vive a Chateau Picard in Francia. È affidato alle cure di due Romulani, Laris (Orla Brady) e Zhaban (Jamie McShane). Picard rilascia la sua prima intervista televisiva in assoluto: quanto è conveniente per scopi espositivi! – in cui un giornalista piuttosto esuberante gli ricorda molto gentilmente cosa ha combinato. Ha scritto libri! È diventato un ammiraglio!

Ma la trama decolla davvero quando apprendiamo che Picard ha spinto la Federazione per aiutare i Romulani, il cui pianeta natale stava per essere distrutto da un sole che è diventato una supernova (come visto nel reboot del lungometraggio di J.J. Abrams del 2009, Star Trek. ). I Romulani erano i nemici della Federazione e molti nella Flotta Stellare non erano d'accordo con Picard. Ecco un allontanamento da Generation: nello show, la Flotta Stellare è spesso dipinta come una forza inflessibile per sempre. L'idea che non aiuterebbe a salvare gli abitanti di un intero pianeta dall'essere spazzati via sarebbe impensabile, nemico o no. (Il precedente qui è Star Trek VI: Rotta verso l'ignoto, quando c'era molto brontolii interni sul tentativo della Flotta Stellare di negoziare la pace con i Klingon, che stavano per estinguersi.)

Inizialmente, la Federazione, su sollecitazione di Picard, aiutò Romulus. Picard guidò persino l'armata a traghettare i Romulani oltre la portata della supernova. (Questo è presumibilmente il modo in cui Laris e Zhaban finiscono a Chateau Picard.) Ma a un certo punto, un gruppo di androidi è diventato canaglia, distruggendo Utopia Planitia, a cantiere navale cruciale vicino alla Terra , così come parte dell'armata. Gli androidi furono banditi in seguito e la Flotta Stellare abbandonò gli sforzi di salvataggio, con grande dispiacere di Picard.

Curiosamente, non si fa menzione di Spock, che ha anche guidato gli sforzi per salvare Romulus, secondo il riavvio di Abrams. Picard lasciò la Flotta Stellare subito dopo perché, come dice con rabbia al giornalista piuttosto fastidioso, la Flotta Stellare non era più Flotta Stellare. (Non trascurare il tuffo nella politica della vita reale qui: Star Trek ha fatto molti episodi dipingendo l'isolazionismo come una tendenza al ribasso per le civiltà.)

La furia di Picard, sapientemente trasmessa da Stewart, deriva da un risentimento morale, non dall'impulsività come spesso accadeva nei film.

A Boston, un gruppo di figure incappucciate attacca una giovane donna di nome Dahj (Isa Briones), che ha un appuntamento e quell'appuntamento viene prontamente ucciso dagli assalitori. Ma Dahj, trovando abilità sovrumane che non si rende conto di avere, combatte gli aggressori. In seguito scopriamo che Dahj è in realtà un androide, una figlia di Data, morta alla fine di Nemesis. (Data ha avuto una figlia nell'episodio Next Generation The Offspring.)

Quello che mi è piaciuto dell'immediato abbraccio di Picard a Dahj è che parla di tutto ciò che Picard era nello show televisivo: un'anima generosa con un sesto senso per quando qualcuno dice la verità, non importa quanto stravagante. E dopo il suo viaggio negli archivi della Flotta Stellare, dice molto teneramente a Dahj la verità: lei non è umana. I materiali d'archivio di Picard sono un tesoro per i Trekkies: il segno del Capitano Picard Day e il modello dello Stargazer, per cominciare.

Per Picard, Dahj merita empatia quanto lo era Data.

Se sei chi penso che tu sia, mi sei caro in modi che non puoi capire, le dice Picard. Io non ti lascerò mai.

Accidenti. Questo rende la sua morte proprio di fronte a lui pochi minuti dopo, per mano di quelle stesse figure mascherate che abbiamo visto prima, ancora più imbarazzante, specialmente quando l'omicidio non appare nelle telecamere di sorveglianza della Flotta Stellare.

La fine dell'episodio ci porta il mio richiamo preferito di Next Generation: un riferimento a Comandante Bruce Maddox a partire dal La misura di un uomo , uno dei migliori episodi della serie. Maddox è scomparso, ma Picard e la dottoressa Agnes Jurati (Alison Pill) ipotizzano che abbia creato Dahj come tributo a Data, e che Dahj fosse uno di una coppia. Ciò significa che Dahj ha una sorella, che sta lavorando su un cubo Borg, che si raddoppia come qualcosa chiamato sito di bonifica romulana.

Presumibilmente, impareremo di più su come i Borg e i Romulani giocano in questo nei prossimi episodi. Inoltre, immagino che troveremo Maddox lungo la strada. Sarà interpretato da Brian Brophy , come era nell'originale?

La premiere è stata una svolta ambiziosa e fresca rispetto alle trame che abbiamo visto prima. La squadra dietro Picard non si è appoggiata alle trame dello spettacolo che erano state esplorate ripetutamente - come la guerra civile Klingon o l'ennesimo Borg che sta arrivando sulla Terra, tipo cose. Invece, Picard ha abbracciato uno dei film più criticati dalla critica del franchise Trek per le sue idee, come con l'apparizione di B-4, il giovane varsity Data di Nemesis.

È stato un inizio impressionante, familiare, senza essere derivato. È stato come un breve incontro con un vecchio amico che ha ancora molto altro da dire.

Alcuni post possono contenere link di affiliazione. cm-ob.pt partecipa all'Amazon Services LLC Associates Program, un programma pubblicitario di affiliazione progettato per fornire ai siti un mezzo per guadagnare commissioni pubblicitarie pubblicizzando e collegandosi ad Amazon(.com, .co.uk, .ca ecc.).

Copyright © Tutti I Diritti Riservati | cm-ob.pt