Recensione 'You': il perfetto fidanzato ha ancora un piccolo problema

La commedia oscura sugli appuntamenti, l'omicidio seriale e le gioie della lettura, ora una serie Netflix, torna per una seconda stagione su una nuova costa.

Victoria Pedretti interpreta la nuova ossessione dell

You, una delle prelibatezze più avvincenti della televisione, torna giovedì per una seconda stagione. Si è spostato su un altro scaffale del negozio di caramelle - ora è una serie Netflix, dopo essere stato presentato in anteprima su Lifetime - ma è gustoso e dannoso per te, come sempre.

La prima stagione ha ottenuto un seguito accanito e molta attenzione della critica, per la sua sapiente fusione delle convenzioni della commedia romantica con le convenzioni del racconto del serial killer di Barbablù. come Joe Goldberg (Penn Badgley) - carino, cortese, letterario e squilibrato - ha perseguito la sua ricerca per essere il perfetto fidanzato di New York, i corpi si sono ammucchiati e la commedia romantica ha dimostrato di essere stata una storia dell'orrore per tutto il tempo. La distanza tra i generi è svanita.



È stato un buon trucco, parte di una lunga tradizione, da Hammer Films a Scream a Jordan Peele, di usare la commedia oscura per far sentire il pubblico meno in colpa per la suspense omicida e lo spargimento di sangue. Ed è stato tempestivo come un'allegoria cautelativa di #MeToo: la capacità di Joe di far sembrare il narcisismo psicopatico una sensibilità romantica - e l'entusiasmo delle sue vittime di crederci - era una perfetta rappresentazione dell'inferno degli appuntamenti nelle grandi città.

La migliore TV del 2021

La televisione quest'anno ha offerto ingegno, umorismo, sfida e speranza. Ecco alcuni dei punti salienti selezionati dai critici televisivi di The Times:

    • 'Dentro': Scritto e girato in una stanza singola, lo speciale comico di Bo Burnham, in streaming su Netflix, accende i riflettori sulla vita su Internet a metà della pandemia.
    • 'Dickinson': Il Serie Apple TV+ è la storia delle origini di una supereroina letteraria questo è molto serio riguardo al suo argomento ma non è serio su se stesso.
    • 'Successione': Nel dramma spietato della HBO su una famiglia di miliardari dei media, essere ricchi non è più come una volta.
    • 'La ferrovia sotterranea': L'adattamento paralizzante di Barry Jenkins del romanzo di Colson Whitehead è favoloso ma grintosamente reale .

Ma nonostante tutta l'attenzione dedicata alla critica estrema dello show al mansplainer controllante e alla sua pungente rappresentazione della vacuità millenaria, il vero motore drammatico di You è più semplice (e forse anche più sovversivo). La cosa davvero divertente è la commedia pazzesca di guardare il povero Joe che cerca di mantenere tutti i suoi piatti in rotazione - per stare un passo avanti mentre le sue bugie diventano più difficili da tenere a mente e le sue uccisioni dispiaciute ma necessarie diventano più difficili da nascondere. L'azione è un labirinto simile a Rube Goldberg e Joe è il topo per cui non possiamo fare a meno di fare il tifo per la fuga.

La stagione 2 si attiene a questo schema, anche se a un ritmo più tranquillo e in un ambiente più soleggiato. In fuga dagli eventi della prima stagione, Joe ha attraversato il paese per Los Angeles, dove ha assunto una nuova identità e ha trovato lavoro in un prezioso mercato gastronomico il cui nome è nirvana scritto al contrario. Ha anche trovato un nuovo centro di ossessione - un nuovo Tu - in una collega, Love Quinn (Victoria Pedretti). (Il nome è un po' sul naso, anche per te, ma si aggiunge all'atmosfera belletristica - Joe, che inizia costantemente le frasi con Love, ... suona molto più come un poeta elisabettiano.)

La nuova location consente alla showrunner, Sera Gamble, e al suo staff di aggiungere gli stereotipi della California meridionale alle formule generazionali e di classe che attirano il disprezzo di Joe, e di gettare il melodramma di Hollywood nel frullatore di genere insieme alla commedia romantica. C'è un tocco di noir di Los Angeles nel modo in cui Joe ottiene la sua nuova identità (rubata da un artista della truffa che è simpaticamente interpretato da Robin Lord Taylor di Gotham), e nelle ultime fasi della stagione, il coinvolgimento tangenziale di Joe in un progetto cinematografico diventa un astuto simbolo dello spettacolo stesso. Sembra il film horror più antifemminista della storia, dice quando viene a conoscenza della trama, il che dice molto.

(La prevalenza di discorsi sull'industria cinematografica consente anche agli scrittori di fare molte segnalazioni di gusto, e il loro gusto è piuttosto buono - i nomi di Sofia Coppola, Joaquin Phoenix, Kathryn Bigelow e David Fincher sono tra quelli abbandonati, insieme a diversi ciechi riferimenti a Robert Altman.)

Immagine

Credito...Beth Dubber/Netflix

La trama del film, che si avvia intorno agli episodi 7 e 8, è una manna dal cielo perché alcune delle altre idee nella nuova stagione non sono altrettanto buone. C'è una preponderanza di flashback che illustrano i traumi infantili che hanno plasmato Joe, e mentre puoi capire perché probabilmente sono lì - qualcuno pensava che Joe avesse bisogno di aprirsi per tenerci interessati - semplicemente non sono interessanti.

Ciò che ci tiene a guardare è il delicato equilibrio di Badgley nei panni di Joe, che sintetizza fascino, inquietudine e allarme con gli occhi sbarrati mentre trasporta gran parte del fardello comico nel tono leggermente rigido ma struggente della sua narrazione del romanzo di Arlecchino. È una performance che è tutta in superficie. (La presunzione dello show dipende dall'autoillusione di Joe, e i tentativi di dargli un po' di profondità emotiva in questa stagione in realtà attenuano la storia.) Ma Badgley è straordinariamente coerente, controllato e pieno di risorse - trova quasi sempre un modo per farci sorridere.

E questo è cruciale, perché in realtà non esisti al di fuori del punto di vista di Joe: è l'unico personaggio che conta davvero. Come per ogni cosa in questa serie più consapevole di sé, questo fatto diventa acqua comica: durante una sessione di scrittura per il film nello spettacolo, una giovane donna sottolinea che la sceneggiatura sarebbe meglio se raccontata dal punto di vista della vittima femminile di vista. Potrebbe essere un buon consiglio per il film, ma non funzionerebbe mai per te.

Alcuni post possono contenere link di affiliazione. cm-ob.pt partecipa all'Amazon Services LLC Associates Program, un programma pubblicitario di affiliazione progettato per fornire ai siti un mezzo per guadagnare commissioni pubblicitarie pubblicizzando e collegandosi ad Amazon(.com, .co.uk, .ca ecc.).

Copyright © Tutti I Diritti Riservati | cm-ob.pt